Speciale

I taralli pugliesi: storia e ricetta di un simbolo pugliese

0
taralli pugliesi

Come nascono i taralli pugliesi?

I taralli sono un simbolo della tradizione culinaria pugliese insieme alla focaccia, le orecchiette, i panzerotti e le friselle.

La loro origine risale al Quattrocento, quando in un periodo di carestia, una madre per sfamare i suoi figli decide di unire gli unici ingredienti che possedeva: olio di oliva, farina, sale e vino bianco. È così che sono nati i taralli pugliesi.

Da questo aneddoto casalingo è nata la storia che ha reso celebri i fragranti taralli pugliesi.

Il nome attribuito a questo cibo deriva dal latino “torrere” che significa “abbrustolire”.

Ben presto, i taralli sono diventati i protagonisti di aperitivi, cene e spuntini. Avere una confezione di taralli pugliesi è un’istituzione e spesso sono accompagnati da un buon vino ed una buona compagnia.

taralli pugliesi

La ricetta tradizionale e le sue varianti

Come abbiamo anticipato prima, la ricetta tradizionale prevede pochi ingredienti, semplici e genuini che soddisfano il palato di tutti.

Negli anni si è creato un vero e proprio business dietro questo prodotto locale e il tarallo pugliese è stato arricchito con varie spezie ed ingredienti.

Ecco qui un breve elenco delle varianti disponibili:

  • taralli con semi di finocchio;
  • taralli con pomodori secchi;
  • taralli con peperoncino;
  • taralli alla cipolla;
  • taralli con semi di lino, girasole e multicereali;
  • taralli alla curcuma, allo zenzero e alla canapa;
  • taralli ai frutti di bosco.

La lista potrebbe estendersi all’infinito, il nostro consiglio è quello di provarli tutti ed affiancarli ai vostri cibi preferiti perché rappresentano l’alternativa sfiziosa al pane e ai grissini.

I taralli pugliesi si sposano bene con i salumi e con le salse, ma potete sperimentare liberamente e lasciarvi trasportare dall’autentico gusto croccante meridionale.

I taralli pugliesi nel mondo

I taralli, simbolo della rinomata Puglia, hanno fatto il giro del mondo. La ricetta è stata riproposta anche in altre città e regioni (dal nord al sud) e nazioni.

Molti pasticcieri sono stati capaci di riproporli in una versione dolce, qualcuno potrebbe non apprezzarli e preferire la versione originale, ma in cucina la bellezza sta proprio nel variare e portare avanti la cultura culinaria di un popolo.

I taralli, dunque, oltre ad essere un cibo da consumare per il piacere del palato, diventano il pretesto per riunirsi in compagnia e dar vita al detto popolare “tarallucci e vino”.

Durante il vostro prossimo viaggio in Puglia, oltre ai classici souvenir, non dimenticate di acquistare una confezione di tipici taralli pugliesi per portare un po’ di Puglia a casa con voi!

La musica di Claver Gold e Murubutu arriva alle Grotte di Castellana

Previous article

Cicloturismo in Puglia: le mete da visitare in bici

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Speciale