Speciale

Quali sono i prodotti tipici pugliesi?

0
prodotti tipici pugliesi

Le eccellenze della cucina pugliese da provare assolutamente: dall’entroterra sino alla costa, i prodotti enogastronomici più rappresentativi della Puglia.

La nostra regione è un gioiello fatto di mare, borghi, masserie immerse in distese di verde e circondate da ulivi secolari e sapori enogastronomici unici. Se pur trattandosi di un’unica regione, ci sono differenze anche nelle pietanze tra nord, Gargano, e profondo Salento.

I prodotti tipici pugliesi nascono secoli e secoli fa, frutto della terra che da sempre è stata la principale risorsa della regione. E ancora oggi l’agricoltura costituisce gran parte dell’economia locale e la principale fonte di sussistenza di tantissime masserie a conduzione familiare, agriturismi, ristoranti ecc.

Nel prossimo viaggio in Puglia dovete assolutamente provare questi prodotti tipici e portarvene un po’ a casa come souvenir!

Prodotti tipici pugliesi: olio e.v.o.

L’olio extra vergine d’oliva è soprannominato l’oro verde della Puglia, per il suo colore che va dal giallo vivo al verde scuro ma sempre limpido e trasparente.

È talmente prezioso e pregiato, coltivato con cura e maestria in tutto il territorio, ed è un ingrediente fondamentale nella dieta Mediterranea e apprezzato in Italia e in tutto il mondo.

Dietro alla produzione di olio c’è tanta storia e tradizione: i primi a coltivarlo furono i Messapi nel primo millennio a.C.

È da sempre stato utilizzato sia per gli alimenti sia come farmaco nella medicina popolare o per cure estetiche.

In molti casi viene raccolto ancora secondo metodi tradizionali, come la battitura del terreno intorno all’albero e l’utilizzo delle reti. Successivamente l’estrazione dell’olio avviene a freddo per conservare le proprietà organolettiche della materia prima che non superano l’1% di acidità. Questo fattore è indice di bontà e durata di conservazione del prodotto.

olio di puglia

Il miglior modo per assaggiare l’olio è da solo o su una fetta di pane: si assapora tutto il suo profumo e il retrogusto a volte amaro e leggermente piccante.

Vini

Un’altra eccellenza tra i prodotti tipici pugliesi è il vino e in particolare il vino rosso. La Puglia è al secondo posto per numero di vini DOC (28), subito dopo la Toscana, sebbene la percentuale di vendite di vino all’estero sia nettamente superiore rispetto alle vendite sul territorio italiano.

I vini rossi più apprezzati, in Italia ma soprattutto all’estero, sono:

  • Primitivo di Manduria DOC, prodotto a Mandura in provincia di Taranto, è un vino secco con gradazione alcolica pari al 14%. Si sposa bene con salumi e formaggi, o con piatti a base di carne, sia primi che secondi.
  • Negroamaro: uno dei più antichi vitigni d’Italia, coltivato in tutta la regione e in particolare nel Salento. È un vitigno a bacca nera che si presta bene alla vinificazione in rosato, bianco e rosso.
  • Nero di Troia: ci spostiamo a nord della Puglia, a Troia in provincia di Foggia. Questo vino ha un colore rosso rubino molto intenso, dal gusto speziato e legnoso.

Ma anche il Salice Salentino, il Castel del Monte DOC Aglianico, il Rosso di Cerignola DOC sono tra le tipologie di vini più stimate.

Pane, taralli e non solo

I principali protagonisti/souvenir gastronomici della Puglia che non possono mai mancare sulle tavole dei pugliesi, dai pranzi agli aperitivi, sono i taralli.

I taralli sono dei prodotti da forno, salati o dolci, dalla forma ad anello. I più “semplici” sono preparati con olio extra vergine d’oliva, farina, sale e vino bianco. A questi ingredienti di base si aggiungono tante altre varietà: con semi di finocchio, cipolla, rosmarino, zucchero, peperoncino ecc.

I taralli sono l’elemento principali dei momenti di convivialità a tavola, ma anche ottimi spuntini da portare sempre con se. I pugliesi – e non solo – non possono farne a meno!

Perfetti per assaggiare qualcosa nell’attesa della cena, per accompagnare un calice di vino o birra e da abbinare a un aperitivo in compagnia.

Il pane è un altro prodotto da forno impossibile da non citare tra i prodotti tipici pugliesi! Il pane di Altamura ha ricevuto il marchio DOP nel 2003 che ne garantisce la qualità.

Anche al pane di Altamura è legata una storia secolare: i primi riferimenti sono stati ritrovati nelle “Satire” del poeta latino Orazio (37 a.C.) che lo definiva “pane migliore del mondo, tanto che il viaggiatore diligente se ne porta una provvista per il prosieguo del viaggio”. 

Il pane viene preparato ancora oggi come all’ora, con gli stessi ingredienti: grano duro, lievito madre, sale e acqua e cotto nei tradizionali forni a legno e in pietra.

È prodotto in due forme tradizionali:

  • U sckuanéte (pane accavallato) è alto e accavallato;
  • A cappidde del padre de simone (a cappello di prete)è più basso.

Tra i prodotti da forno rientra anche la frisella o frisa. Di grano duro, la frisella è cotta due volte ed è preparata con ingredienti molto semplici: acqua, farina di semola di grano duro, sale e lievito.

friselle pugliesi

È caratterizzata inoltre dall’avere un buco al centro da cui si fa passare una cordicella i cui capi venivano poi annodati a formare una collana, facile da appendere e conservare e comoda da trasportare.

La frisella nasce come prodotto povero, il principale pasto dei marinai perché era resistente al tempo: la doppia cottura la rende un alimento già secco in partenza, questo vuol dire che non può diventarlo col tempo.

Oggi è considerata anche un prodotto gourmet: la classica prevede l’abbinamento con pomodorini, aglio, olio e sale e origano; ma si sposa bene anche con pomodori secchi, olive, capperi o salse.

I pugliesi sono soliti gustarle durante le sere d’estate, ma la frisella è un piatto semplicissimo da prepara tutto l’anno!

Come non citare infine le orecchiette: simbolo della cucina pugliese, da gustare prima di tutto con le cime di rapa, ma si possono preparare anche con le brasciole, polpette, col sugo di pomodoro fresco e ricotta forte di pecora.

Tra i vicoli di Bari Vecchia è ancora viva la tradizione di preparare a mano le orecchiette: tantissime signore sull’uscio delle loro case le realizzano a mano e tramandano questa bellissima usanza di generazione in generazione.

Dopo questo viaggio enogastronomico tra i principali prodotti tipici pugliesi, dovete assolutamente provare questi sapori di terra e di mare! 

 

 

San Nicola di Bari: la festa tradizionale barese

Previous article

Turismo di prossimità in Puglia nell’estate 2021

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Speciale