Speciale

3 tappe sulla costa del nord barese da vedere

0
Trani in puglia

Una visita a Molfetta, Trani e Bisceglie, città di mare sulla costa a nord di Bari.

Le città nel nord barese si distinguono per le numerose strutture artistiche e architettoniche e per il fatto di essere splendide località bagnate dal mare.

L’itinerario che vogliamo consigliarvi tocca tre città nel nord barese: Molfetta, Bisceglie e Trani, tutte facilmente raggiungibili in auto o in treno dall’aeroporto di Bari.

Cosa vedere a Molfetta

Molfetta è nota per essere da sempre un porto di pesca molto dinamico in Puglia: infatti proprio attorno al suo porto che si sono sviluppate le mura cittadine, dando vita a chiese, quartieri e piazze.

Tutto il borgo antico si affaccia sul mare e il lungomare diventa, soprattutto durante la bella stagione, la meta preferita dei cittadini e dei turisti che si ritrovano per godere di un buon aperitivo davanti al mare.

Tra i punti di interesse più caratteristici di Molfetta c’è sicuramente:

Duomo di San Corrado:

la chiesa si affaccia imponente sul mare ed è considerata un simbolo della città. Risale al XII secolo ed è la più grande chiesa a tre cupole in asse dello stile romanico pugliese. La sua bellezza artistica è confermata in particolare dalla facciata secondaria che, fino al 1882 era a picco sul mare e presenta tre finestre tardo rinascimentali con le statue di San Corrado e San Nicola.

Molfetta nel nord barese

Cattedrale di San Assunta:

conserva le spoglie del patrono di Molfetta, San Corrado, e risale al XVIII secolo. Di particolare interesse è il quadro raffigurante l’Assunzione della Madonna in Cielo del pittore molfettese del Settecento Giaquinto Corrado.

Il Pulo:

uno sprofondamento di origine carsica a pochi km dal centro di Molfetta, dove viene allestito il presepe vivente. Il pulo si è formato a causa del collasso o della volta di un’unica grande grotta sotterrane o, come più probabile, di più cunicoli e cavità facenti parte di più pozzi carsici contigui, con crolli che si sono succeduti nel tempo. Questa zona è un concentrato di vegetazione spontanea e alberi tipici della macchia mediterranea, come biancospino, melograno, fichi, nespoli.

L’Isola di Sant’Andrea ovvero il borgo antico è ricco di vicoli e stradine che si alternano perfettamente tra loro grazie alla pianta a spina di pesce su cui è stato progettato. È il fulcro di ristoranti, agriturismi e negozi tipici che conservano le tradizioni della Puglia.

Bisceglie

Prosegue l’itinerario sulla costa nel nord barese: a meno di 10 km da Molfetta c’è Bisceglie, un caratteristico borgo medievale della Puglia famoso per le sue acque cristalline, insignite del riconoscimento Bandiera Blu.

Bisceglie

Nel territorio di Bisceglie sono stati trovati resti antichissimi che testimoniano la presenza di popolazioni sin dalla Preistoria: pietre scheggiate (armi e utensili), i resti di animali di specie estinte, i resti di animali di specie remote ed il femore umano curvo attribuibile all’uomo di Neanderthal, oggi conservato nel museo archeologico nazionale di Taranto. Di particolare interesse per la città e per i turisti sono i Dolmen: imponenti costruzioni funerarie di roccia.

Curiosa è la storia legata al suo stemma che raffigura una quercia: in epoca romana la città era chiamata Vescegghie per un tipo di quercia, il Viscile, che cresceva lì. Dall’XI secolo la città ha adottato la quercia nel suo stemma.

La città si sviluppa intorno al porto: vicino al mare venne costruito il Castello Svevo e la Concattedrale di San Pietro che si affaccia sul porticciolo.

Al mare biscegliese nel nord barese è stata attribuita più volte la prestigiosa Bandiera Blu per la limpidezza delle acque e i servizi offerti per turisti e famiglie.

Trani

L’ultima tappa nel nord barese tocca: Trani. Anche questa affascinante cittadina ha fatto del mare il fulcro della sua vita.

Trani

La Cattedrale di Trani è la costruzione più prestigiosa della città: risale al XII secolo e fu costruita usando la pietra di Trani, un tufo calcareo, estratto dalle cave della città, caratterizzato da un colore roseo chiarissimo, quasi bianco. Questa roccia calcarea pregiata è stata per anni uno dei più importanti motori dell’economia locale, che ha reso la città famosa in tutto il mondo.

Perdetevi tra le strade del centro storico e resterete affascinati da palazzi storici bellissimi, dal quartiere ebraico con la sinagoga Scolanova, il Castello Svevo, edificato grazie a Federico II. La fortezza è stata edificata per scopi difensivi sul molo di Sant’Antonio, che è uno dei punti panoramici più belli di Trani, è circondata dal mare ed ospita corridoi e segrete suggestive che potete visitare con una guida specializzata.

Monastero di Colonna:

Il monastero o Chiesa di Santa Maria di Colonna è un bellissimo edificio religioso in stile romanico pugliese e ospita durante l’anno numerose manifestazioni culturali e concerti di musica classica e jazz.

Anche a Trani è possibile rilassarsi in riva al mare: il lungomare è attrezzato con lidi per famiglie con bambini e spiagge libere, come la spiaggia Lido di Colonna, la Baia dei Pescatori (con ghiaia e ciottoli) e la spiaggia di Pontelama, la più isolata e tranquilla a sud della città.

 

 

Cosa vedere a Ostuni la città bianca

Previous article

San Nicola di Bari: la festa tradizionale barese

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Speciale