Il nuovo numero vi aspetta in libreria dall'1 Luglio

 


Il Magazine per chi è Orgoglioso di essere, o sentirsi, Pugliese

PROTOTIPIA

Con Barty, sistema robotico di miscelazione tutto Made in Puglia, si punta a rivoluzionare il mondo del beverage

Prototipia è una startup innovativa barese che punta a rivoluzionare il mondo del beverage attraverso una esclusiva novità tecnologica. L’originale prodotto è un sistema robotico intelligente di miscelazione la cui naturale applicazione è la preparazione di mix per cocktail. Il dispositivo meccatronico è collegato direttamente alle bottiglie, viene gestito tramite un’applicazione o telecomandato ed è pensato per tutti quei locali che non godono della presenza di un barman con specifiche competenze, ma aspirano ad offrire ugualmente cocktail di qualità professionale ai loro clienti. Abbiamo intervistato i 4 founder della startup e scoperto come questo team di esperti si è conosciuto, quali sono le sfide tecniche che hanno affrontato nella progettazione del prototipo e quali sono i piani per il futuro:

Com’è nata l’idea?

Ci siamo conosciuti in un’associazione di professionisti e ci siamo ritrovati a pranzare ogni tanto insieme con l’intento di far convergere le reciproche competenze in un prodotto innovativo e funzionale con un modello di business convincente. Abbiamo esplorato vari settori ma alla fine abbiamo ripreso il progetto “nel cassetto” di uno di noi quattro, maturato durante una lunga esperienza diretta nel mondo del food & beverage. Intorno a questa idea abbiamo creato il nostro progetto innovativo.
Siamo convinti che l’automazione meccatronica e l’intelligenza artificiale – applicate ad una macchina semplice da usare – siano in grado di creare valore aggiunto in questo settore di mercato. Per questo, abbiamo lavorato parallelamente sia sulla tecnologia e sulla ingegnerizzazione del prodotto, sia sulla relativa user experience e naturalmente sulle modalità di distribuzione e vendita.

A che punto è lo sviluppo del prodotto?

Abbiamo realizzato un prototipo embrionale con la stampa 3D che abbiamo testato nel suo contesto naturale – un locale pubblico per la somministrazione di cocktail – con un campione di potenziali clienti e possibili investitori per pareri e suggerimenti. Capito che l’idea continuava a generare costantemente entusiasmo e interesse, ci siamo tuffati nel vasto mondo imprenditoriale costituendo la società, iscritta al registro nazionale delle startup innovative, e candidandoci alle misure di finanziamento a disposizione, in particolare Tecnonidi gestito dall’agenzia regionale Puglia Sviluppo.