Il nuovo numero vi aspetta in libreria dall'1 Gennaio

 


Il Magazine per chi è Orgoglioso di essere, o sentirsi, Pugliese

L’orologio Made in Puglia ha un cuore cinese

I marchi “Lancaster” e “Strumento Marino” nascono a Bari. Ma quella di Alfredo Giovine è un’azienda globalizzata: compra i componenti da 32 fornitori asiatici e li assembla nella sua fabbrica di Shenzen. Ha uffici commerciali ad Hong Kong, Miami e Dubai e vende in 23 paesi nel mondo. Oltre che su aerei e navi da crociera

La Lancaster di Alfredo Giovine è sicuramente uno dei migliori esempi di aziende pugliesi di successo, che sfruttando le opportunità della globalizzazione sono riuscite a raggiungere i mercati di mezzo mondo, ma è allo stesso tempo anche un esempio di azienda low profile. Merito del suo titolare, che in alcuni momenti appare istrionico, in altri sembra voler tirare il freno e preferisce restare dietro le quinte: «Sia ben chiaro, è vero che siamo ormai presenti in 23 paesi, ma in nessuno di questi sono un fenomeno».
L’azienda ha sede in un ampio seminterrato situato a due passi dall’Ateneo. È qui che vengono ideati e disegnati gli orologi Lancaster e “Strumento marino”, il brand nato qualche anno fa per regalare agli appassionati di pesca subacquea e vela degli orologi di alta qualità che però strizzassero l’occhio al fashion. A fondare la Lancaster fu, negli anni ‘80, il papà di Alfredo, Beniamino, venuto a mancare sei anni fa. Era un distributore della Philips e conobbe un coreano che produceva orologi a Shenzen. Da lì nacque l’idea di creare un proprio marchio, italiano nello stile e nel design, ma assemblato in Cina, prestando attenzione alla assoluta qualità e correttezza dei fornitori. L’intuizione era giusta e la crescita è stata costante. Non solo dell’azienda, ma anche di Shenzen: «Quando papà comprò lì il suo primo immobile la città aveva solo 300.000 abitanti, oggi ne ha 16 milioni».
Alfredo è cresciuto in questo ambiente: «Avevo 16 anni quando mio padre iniziò a portarmi in giro con lui dai clienti». Oggi Giovine junior ha 45 anni e guida un’azienda che da 19 anni ha un ufficio commerciale a Dubai, da 6 a Miami: una sorta di globalizzazione ante litteram. «Abbiamo sempre fatto ciò che il mercato chiedeva, e in qualche modo siamo stati premiati». Nel 2017 Giovine ha venduto 160.000 orologi a marchio Lancaster (in vendita al pubblico a prezzi da 200 a 6000 euro), 90.000 a marchio “Strumento marino” (in vendita a prezzi che oscillano dai 120 ai 500 euro). Il fatturato complessivo è arrivato a 10 milioni e i dipendenti sono diventati 130 (80 dei quali in Cina). Considerando che si tratta di una piccola azienda che non investe somme ingenti in campagne pubblicitarie, si tratta di numeri importanti.