Il nuovo numero vi aspetta in libreria dall'1 Gennaio

 


Il Magazine per chi è Orgoglioso di essere, o sentirsi, Pugliese

Chi altro vuole cambiare “volto” alla propria azienda?

Quando discutiamo di marketing, spesso pensiamo ai corsi di laurea e agli studenti che scelgono questo percorso formativo. Non è un caso, infatti, se i dati sono positivi: piuttosto che immobilizzare la propria vita con una laurea in legge, per finire poi ad Austis in provincia di Nuoro a mungere le capre, sempre più ragazzi s’interessano al marketing e, come diretta conseguenza, allo studio dell’economia. Ma… c’è un “gigantesco” ma: perché la maggior parte dei TITOLATI in questa amabile e affascinante disciplina è fortemente predisposta a mettere a rischio le aziende, a cominciare dal BRAND? Cos’è che non funziona? Di chi è la colpa? Dell’imprenditore, del libero professionista o del laureato in marketing? Mi spingo oltre: perché nelle università, piuttosto che continuare a studiare le 4 Preistoriche P (alle) del Marketing Accademico, non s’impartiscono autentiche lezioni di scuola militare, facendo tesoro dello straordinario lascito del Generale dell’Esercito Prussiano Carl Philipp Gottlieb Von Clausewitz? Se qualcuno ti desse la possibilità di riscrivere la storia delle aziende pugliesi, cominciando dalla tua, non sarebbe un riscatto meraviglioso? Risorgere è [quasi] sempre possibile, ma una cosa è imitare i marchi affermati che hanno un ingente budget, tutt’altra questione è il tuo business.

Per esempio, un avvocato “emergente” che deve penetrare il mercato di oggi e opera in una città come Lecce, potrà fare affidamento sul marketing, se pur in misura limitata. Non è il settore legale *ad essere diverso*; un sistema professionale di Direct Marketing Automatico è adattabile a svariati mercati se, di mezzo, c’è una transazione commerciale (vendita e acquisto di prodotti o servizi). In questo esempio, però, la domanda che ti devi porre è un’altra: chi è la “canaglia” che ha permesso l’iscrizione all’albo di 250.000 avvocati in una nazione con 61 milioni di abitanti, quando, in Francia, a fronte di una popolazione numericamente simile, ammontano a 61.000? Riesumata la circostanza, secondo te, come se la passano i legali francesi? E quelli italiani? Il mondo è già eccessivamente saturo di prodotti e servizi, nonché di aziende che iper-pubblicizzano entrambi. Nei paesi industrializzati c’è più offerta che domanda, il consumatore è fortemente stressato e non più ricettivo al bombardamento pubblicitario; più che un piano di marketing strategico, oggi indispensabile a prescindere, servirebbe una clava per tramortire la canaglia, una mera PATELLA FERRUGINEA GMELIN, e risarcire “moralmente” ed “economicamente” gli uomini di legge che, negli ultimi anni, sono stati costretti a cancellare la loro iscrizione dalla cassa forense per andare a lavorare in tutt’altri contesti.